Fotografia liada de Pixabay

  Artìculu scritu in tres lìnguas [1]

 

  Domìnigu, su 22 de martzu: cras torru a fai letzioni, ma de atesu a sa manera telemàtica. Funt duas cidas chi no atòbiu is studiantis, duas cidas chi parint longas che annus; su mundu est totu cambiau. Ita depu nai a is piciocus? Potzu fai coment’e chi mai? Torrai a inghitzai de aundi emu firmau? No fait. Seu su professori, un’òmini bèciu, chi tenit isperièntzia. Issus funt giòvunus, serraus in domu de diis meda, preguntendi-sì ita est sutzedendi e comenti potzant cambiai sa vida e su benidori insoru. Est detzìdiu, a primu si depu chistionai coment’e òmini, de sa vida, de su mundu. Apustis depu nai calincuna cosa de importu po sa matèria de is letzionis.

  Su lunis a is 11, apustis de 45 minutus de trèulu, arrennèsciu a mi alliongiai. Funt 40, funt bènnius totus, studiantis puru chi no emu mai biu in s’àula de Viale Fra Ignazio. Chistionu 40 minutus, circu de arrespundi a tres preguntas: 1) Ita est sutzèdiu? E, su chi est de prus importu, 2) Ita eus a fai? A ùrtimu, 3) Comenti at a cambiai sa manera de manigiai is impresas?

  In pagus fueddus, nos’est incapitada una cosa chi no emus mai pòtziu pensai ca podiat sutzedi in sa vida nosta de pròsperus europeus. Babbu miu e is ajajus de is studiantis iant connotu duas gherras e sa pestilèntzia chi narànt “spanniola”. Ma imoi deu seu comenti is studiantis, nisciunu de nosu at connotu gherras, terremotus e pestilèntzias. Custa est arribada e nci seus aìnturu. Po sa segundu sceda, pensu a sa poesia de Rudyard Kipling “If”. Si nau chi, po mei, a primu depeus abarrai assèlius, castiai aìnturu de nosu etotu, tenni su domìniu de sei. Apustis tocat a cadelai a ingìriu de nosu, a circai de cumprendi ita est sutzèdiu e at a sutzedi, a si preguntai chi teneus arti e isperièntzia chi nosi potzant agiudai a detzidi ita fai sena de pregiudìtzius. Podeus cunfiai in s’arrichesa de sa fortza de su naturali nostu e in is cumpetèntzias chi teneus.

  Su chi est incapitendi oi nos’amostat chi totu est cambiau po is impresas. Is chi bendint cosa de papai e de primu abisòngiu, is de su cumèrciu eletrònicu e de sa telemàtica no arrennescint a cuntentai is fitianus, funt pighendi genti a traballai, funt faendi guadàngius mannus. Is àteras, che posadas, starias, is chi traballant cun is biaxis e is turistas no ant tentu intradas po mesis e no sciint chi ant a podi sighiri a bivi. Is mellus impresas iant fatu programas e pianus, ma imoi is unus e is àterus no serbint prus a nudda, siat po is impresas chi funt andendi beni siat po cussas chi funt andendi mali. A nai sa beridadi, no seus chistionendi de cosas aici noas.

  De sa crisi sighida a is gherras de su petròliu de su 1974 e de su 1979 eus bistu chi s’economia est globali e is scenàrius mudant sena de pàsida. Est malu meda a cumprendi ita at a incapitai. Chini est stètiu bonu a cumprendi primu de s’ora chi fiant arribendi is trèulus de su 2008 – prèstidus fatus in Amèrica a is chi no podiant torrai su dinai e bèndius po bonus: sub-prime –; de su 2011 – si timiat chi s’Itàlia e àterus stadus no fessint bonus a torrai su dèpidu insoru – e su de imoi? Sa nova est chi is avolotus funt sèmpiri prus fissientis e s’abilèntzia de biri in su benidori est sèmpiri prus pitica. Is pianus sighint a serbiri po ghia a su fai, ma in tempus de trèulu mannu serbint a pagu e nudda. In cussu tempus is impresas podint cunfiai pruschetotu asuba de is personis chi tenint, de sa fortza de su naturali e de is cumpetèntzias insoru. A sa matessi manera de is studiantis cosa mia.

 
Noda

  1. In this link you can find the Sardinian text compared with the English and Italian ones
    In questo collegamento potete trovare il testo sardo confrontato con l’inglese e l’italiano
    In custu liòngiu podeis agatai su testu sardu cumparau cun s’ingresu e s’italianu

Comments

  1. Gràtzias Professori po totus is ‘insinnamentus , is pràticas e is isperièntziasa ca fustei a donau a nosu studiantis. Fuint istaos du mesis strambécusu e strollicusu, ma i’ letzionis fuint istadasa bellasa e anti donau a nosu una visioni e una sabiesa noa.
    Deppeusu sperài chi tótu torridi a sa normalidàdi.
    Mi dispraxit po sa scridúra , pedu iscúsa in antítzipu.
    P.S. Ho provato a scrivere in lingua sarda e mi sono reso conto che è molto difficile, rispetto a parlarlo e leggerlo, però ci tenevo a rispondere in sardo.

    1. In su trèulu apu biu piciocus gravis e atentus coment’e mai; sa pestilèntzia nos’at imparau calincuna cosa noa asuba de sa vida. Gràtzias puru po m’ai torrau sceda in sardu; s’amentai de chini seus e de aundi beneus si podit agiudai a castiai mellus ainnantis

  2. Grazie professore, personalmente posso confermare che, nonostante sia stato un periodo abbastanza particolare e difficile sotto tutti i punti di vista, e nonostante le nuove modalità di lezione, ci ha comunque permesso di apprendere e di avere nuova conoscenza. Proprio per questo, come diceva anche lei, in periodi come questi é proprio questo che serve, avere la capacità di adattarsi e utilizzare le proprie competenze e conoscenze. Ed effettivamente é ciò che molte imprese stanno cercando di fare.
    Aggiungo anche che nonostante i vari problemi tecnici riscontrati con la piattaforma e la connessione, é stato comunque bello fare lezione in questo modo e ho apprezzato molto; grazie a lei che ha proseguito con l’insegnamento facendo sì che la nostra attenzione rimanesse sempre costante.
    Speriamo che questo periodo passi al più presto e che si torni alla normalità.

    1. Stiamo vivendo un’esperienza nuova che ci ha fatto crescere tutti; è importante che voi giovani ne facciate tesoro
      Seus bivendi un’isperièntzia noa che nos’at fatu adelantai; bosàterus giòvunus dda depeis allogai che scusòrgiu

  3. Bellissima riflessione professore, condivido il suo pensiero. È vero, ci siamo ritrovati catapultati in una situazione senza precedenti, ma è proprio in questi momenti che la natura dell’uomo emerge e la coscienza, che ci distingue nel regno animale, diventa la nostra unica arma per sopravvivere. È in questi momenti che l’uomo diventa tale e la collettività ritrova la sua identità, si gettano le basi per ricostruire il tempio. Quel tempio che fino a ieri ci sembrava sicuro, solido, ma che oggi scopriamo essere stato costruito su fragili basi. Così oggi dobbiamo ricominciare dalle fondamenta del nostro spirito, del nostro tempio. Le relazioni sono il nostro cemento, le persone sono le colonne, la nostra coscienza è il saggio che guida la folla. Le imprese sono collettività di persone, sono più templi messi assieme a costruirne uno solo. Così in questi momenti, più che in altri, le imprese devono fare leva sulle proprio risorse interne, risorse umane, gli uomini. Solo in questo modo si può sperare che la base non crolli, che la vetta resti immutata, domani quanto oggi e quanto ieri uniti in un ciclo di causa-effetto dove la causa siamo noi con le nostre azioni, l’effetto chi lo sa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *